guida in stato di ebbrezza I diritti delle immagini appartengono ai rispettivi proprietari (che saremo lieti di indicare in caso di richiesta). Le sanzioni guida in stato di ebbrezza neopatentati per TA: 0 – 0,5 g/l: multa € 168 – 673 + 10 punti; 0,5 – 0,8 g/l: multa € 725 – 2898 + 20 punti + sospensione 4 – 8 mesi Il tempo necessario per la prescrizione delle sanzioni relative all’articolo 187 del Codice della Strada è di due anni se si tratta di una contravvenzione per cui la legge stabilisce la pena dell’ammenda, di tre anni se si tratta di contravvenzione per cui la legge stabilisce la pena dell’arresto e di cinque anni se si tratta di delitto per cui la legge stabilisce la pena della reclusione inferiore a cinque anni, o la pena della multa. c), e co. 2 bis C.d.S., si è concluso con sentenza di estinzione del reato per intervenuta prescrizione. In tale pronuncia, infatti, la Suprema Corte si è limitata a precisare che “la revoca della patente è, pertanto, un atto ad efficacia istantanea adottabile dall’autorità amministrativa solo una volta che la sentenza penale di condanna sia, appunto, passata in giudicato. Infatti, oltre al rischio che corriamo noi e che facciamo correre agli altri se guidiamo dopo aver bevuto, sono aspre le sanzioni previste dall’articolo 186 del Codice della Strada in caso di guida in stato di ebbrezza. IV, Sent. Guida in stato di ebbrezza: la sentenza di estinzione del reato per intervenuta prescrizione non esclude la revoca della patente. In caso di omicidio stradale colposo, per i conducenti colti in stato di ebbrezza la legge introdotta nel 2016, volta a punire con la reclusione il conducente che, violando le norme del codice della strada, sia causa di un evento mortale, prevede la reclusione da 5 a 10 anni se il tasso alcolemico riscontrato è compreso tra 0,8 e 1,5 grammi per litro (8-12 anni di reclusione invece per i conducenti professionali). 205 D. Lgs. 186 C.d.S. Revoca della patente, sanzioni e confisca del mezzo per gli autotrasportatori alla guida in stato di ebbrezza Oggi trattiamo un argomento molto delicato e, di sovente, oggetto di polemiche. 168 ter c.p. In linea generale, la guida in stato di ebbrezza configura un reato punito con sanzioni penali, anche se l'intervento legislativo del 2010 ha depenalizzato le ipotesi più lievi. c) e 2 sexies C.d.S. 219, comma 3 ter del CdS, trattandosi di norma che non attiene all’istituto della revoca pronunciata dal giudice penale, e che non è diretta a disciplinare la decorrenza dei suoi effetti“. L’orientamento opposto (seguito, in particolare, dai Tribunali ordinari) fa, invece, riferimento alla data in cui il reato è accertato, coincidente con il passaggio in giudicato della sentenza penale, ovvero un momento non predeterminabile e che crea, a parere di chi scrive, una grave disparità di trattamento tra situazioni analoghe a seconda della maggior o minore celerità di conclusione dei procedimenti penali. 99 c.p. Ad esempio se il guidatore che ha bevuto causa un incidente, con o senza feriti e morti, o se il guidatore è recidivo. È prevista la revoca della patente nei casi di recidiva in un biennio. X penale, Sent. (cfr. Il livello di alcol assunto è dato dal tasso alcolemico (TA). Una serata con gli amici e un cocktail sono un’accoppiata vincente, ma non se poi bisogna mettersi al volante. 186 CdS, la guida in stato di ebbrezza costituisce reato che, tuttavia, può essere estinto con lo svolgimento di lavori di pubblica utilità (LPU). strada tra la sanzione a carico del soggetto che, dopo aver commesso un incidente, viene trovato in stato di ebbrezza e il soggetto che, dopo il sinistro, rifiuti di sottoporsi all’accertamento. Ai sensi dell’art. La guida dopo aver bevuto alcolici è vietata per chi ha preso la patente da meno di 3 anni e, in generale, ai minori di 21 anni. 186 C.d.S. La revoca della patente di guida, prevista come obbligatoria per l’ipotesi aggravata in cui il conducente in stato di ebrezza abbia causato un incidente stradale, deve essere disposta anche nel caso in cui, all’esito del giudizio di bilanciamento, sia stata riconosciuta l’equivalenza ovvero la prevalenza delle circostanze attenuanti generiche. Le sanzioni per la guida in stato di ebbrezza dipendono dal tasso alcolemico, misurato in grammi di alcol per litro di sangue e rilevato tramite l’alcol test. Il reato di guida in stato di ebbrezza. (“Guida sotto l’influenza dell’alcool”), ricorre in Cassazione lamentando errata applicazione della legge in quanto la condizione necessaria per procedere alla sentenziata revoca della patente … Non vale, dunque, richiamare – al fine di affermare, come fa la sentenza impugnata, che la revoca della patente decorre dalla data della commessa accertata violazione – l’art. Diretta trascrivibilità degli atti di stato civile formati all’estero ai fini del riconoscimento della cittadinanza italiana iure sanguinis: mito o realtá? In altri termini, o che sia alcool, o droga o un medicinale, non devi mette… Recidiva nel biennio? Nel caso di guida in stato di ebbrezza, la revoca della patente, in ragione del suo automatismo, non viene meno se il procedimento penale incardinato nei confronti del ricorrente per il reato di cui all’art. In tal caso, se ci fosse un passeggero idoneo alla guida e con un tasso alcolemico non superiore a 0,5 g/l, egli può prendere la guida del veicolo e lasciarlo in consegna al proprietario o in un’autorimessa. Se vuoi aggiornamenti su Sicurezza inserisci la tua email nel box qui sotto: Compilando il presente form acconsento a ricevere le informazioni 186 bis CdS“): 1. autobus 2. autoarticolati 3. autosnodati 4. autocarri con massa a pieno carico superiore a 3,5 tonnellate 5. complessi di veicoli con massa complessiva superiore a 3,5 tonnellate 6. autoveicoli destinati al trasporto di persone il cui numero di posti a sedere, escluso il … I dubbi interpretativi non sono stati tuttora risolti, neppure con la recente sentenza n. 13508 della Corte di Cassazione, pubblicata in data 20 maggio 2019. 186, 186-bis e 187, non è possibile conseguire una nuova patente di guida prima di tre anni a decorrere dalla data di accertamento del reato“. La Quarta Sezione Penale della Suprema Corte di Cassazione affronta in questo pronunciamento la tematica relativa alla qualitas dell’istituto della “recidiva nel biennio” di cui all’art. In caso di tasso alcolemico superiore a 1,5 grammi per litro, la reclusione prevista va invece da 8 a 12 anni. n. 285/1992 riguardava, invece, la data di decorrenza dell’efficacia del provvedimento di revoca, che appunto non trova disciplina alcuna nell’art. Il Codice della Strada prevede sanzioni maggiorate per la guida in stato di ebbrezza in alcuni casi specifici. © Gruppo Maggioli Tutti i diritti riservati. Ci sono scelte che possono cambiare la vita… la guida in stato di ebbrezza è un grave reato che può avere conseguenze terribili per noi stessi e per chiunque incrociamo sulla nostra strada. Anche per i guidatori professionali che svolgono l’attività di trasporto di merci o di persone e per i conducenti di veicoli con massa a pieno carico superiore alle 3,5 tonnellate, sono previste sanzioni raddoppiate in caso di guida in stato di ebbrezza accertata e revoca della patente con tasso alcolemico superiore a 1,5 g/l. La multa prevista per i neopatentati alla guida in stato di ebbrezza accertata con tasso alcolemico inferiore a 0,5 g/l è fino a 624 euro, mentre in caso di tasso alcolemico superiore si applicano le sanzioni previste dal Codice della Strada aumentate di un terzo. IV, 13 dicembre 2012, n. 48276) Nel caso in cui siano stati commessi dei vizi di forma durante l’accertamento è comunque possibile fare ricorso. Le sanzioni previste dal Codice della Strada si raddoppiano per il conducente in stato di ebbrezza che provoca un incidente stradale oltre alla disposizione del fermo amministrativo del veicolo con cui è stato provocato l’incidente per un periodo di 180 giorni, eccetto nei casi in cui il veicolo è intestato ad un soggetto diverso da quello che ha provocato l’incidente. In caso contrario, il veicolo verrà recuperato da un carro attrezzi a carico del trasgressore. L'estinzione del reato per positivo svolgimento di messa alla prova consente la revoca della patente, ma richiede che l'autorità amministrativa compia una istruttoria autonoma. La norma, stabilisce altresì che – in caso di esito positivo del lavoro di pubblica utilità – sarà dichiarato estinto il reato dall’Organo Giudicante, ridotta alla metà la sanzione della sospensione della patente di guida e revocato il provvedimento di confisca del veicolo caduto in sequestro. Il Codice della Strada prevede sanzioni durissime per chi guida in stato di ebbrezza. Tolleranza zero per i neopatentati. Sez. Prevista anche la confisca del veicolo, se non intestato a persona diversa da quella che ha commesso il reato. Tale secondo orientamento, peraltro, non pare neppure sostenibile nel caso in cui il procedimento penale termini senza accertare la penale responsabilità dell’imputato, come avviene con la dichiarazione dell’estinzione del reato ai sensi dell’art. 186, co. 2, lett. nei casi di revoca per violazione al codice della strada, la durata della revoca della patente è di due anni dal momento in cui è diventato definitivo il provvedimento. relative ai servizi di cui alla presente pagina ai sensi L’obbligatorietà della sanzione della revoca della patente di guida, a seguito del reato di guida in stato d’ebbrezza, rientra nell’esercizio ragionevole del potere legislativo. Nel caso di guida in stato di ebbrezza con tasso alcolemico superiore a 1,5 g/l, la patente è sempre revocata per i conducenti dei seguenti tipi di veicoli (categorie 3,4,5,6,7,8 del paragrafo “Categorie di conducenti soggette ad art. Cass. pen., Sez. Guida in stato di ebbrezza: prescrizione non salva dalla revoca (CdS, 4136/19)) ... 10. Si tratta di un fenomeno considerato, ormai, quasi una piaga, in particolare nell’ ambito del settore autotrasporto. La guida in stato di ebbrezza è vietata in modo completo dalla normativa vigente e comporta serissimi rischi sia per il guidatore che per gli occupanti del mezzo, per i pedoni e per le altre vetture.La guida in stato di ebrezza comporta precise sanzioni e garantisce alle compagnie assicurative il diritto di rivalsa sul conducente.. In caso di tasso alcolemico superiore a 1,5 g/l, o in caso di rifiuto di sottoporsi all’alcoltest, scatterà altresì la revoca della patente. 187 CdS), in caso di accertamento del reato comporta, tra le diverse sanzioni penali e amministrative, anche la revoca della patente di guida.L’art. pen. Patente – Revoca e sospensione – Revoca – reato di guida in stato di ebbrezza – Recidiva nel biennio – Condizioni (Cass. Il ricorso originariamente proposto ex art. Provocare un incidente è un’aggravante che rende le multe ancora più pesanti. La pena invece può essere dimezzata quando l’omicidio stradale non sia dovuto esclusivamente all’azione del colpevole. Quando la nuova patente viene conseguita, il titolare è di nuovo neopatentato e deve quindi rispettare tutte le specifiche limitazioni neopatentati. Sanzioni durissime per i neopatentati. Per questo è bene conoscere l’articolo 186 e ciò che prevede in caso di ebbrezza alla guida. Sanzioni salatissime invece nel caso in cui il soggetto si rifiuta di sottoporsi all’alcol test una volta fermato e sospettato di guida in stato di ebbrezza. Revoca della patente di guida per qualsiasi ebbrezza. Non vi è dunque alcun profilo di irragionevolezza Ricevi tutte le novità di Diritto.it attraverso le nostre newsletter. Infine, se l’incidente stradale determina la morte di terze persone, lo stato di ebbrezza del conducente che ha provocato il sinistro stradale costituirà un’aggravante di … Non abbandonare Diritto.itsenza iscriverti alle newsletter! 219, comma 3 ter, del CdS prevede che “quando la revoca della patente di guida è disposta a seguito delle violazioni di cui agli artt. La legge punisce chi si mette al volante in uno stato di alterazione psicofisica, non rilevando le cause dell’alterazione. Costituisce reato penale punibile con l’arresto fino a 6 mesi mettersi alla guida con un tasso alcolemico compreso tra 0,81 e 1,5 grammi per litro. Roma, © Autoblog 2004-2020 | T-Mediahouse – P. IVA 06933670967 | 1.7.4, Guida in stato di ebbrezza: automobilista fa il nuovo record del Lazio, Guida in stato di ebbrezza: assolta per un modulo, Ecoincentivi auto 2021: arriva il sì della Camera, Renault Twingo Electric: la prova su strada, Mostro inquinante: mezzo trattore e mezza locomotiva [Video], Hyundai: la versione N in arrivo anche per Kona e Tucson. In altri termini non dovremo pagare ammende o scontare l’arresto. Al ricorrente era stato contestato il reato di guida in stato di ebbrezza, di cui all’art. 16 marzo 2016, n. 3440; nello stesso senso ex multisTrib. Restano, dunque, ancora aperti i dubbi interpretativi sopra richiamati. Cosa ha deciso la corte di cassazione in merito a questo caso? 186 c. 2 lett. Insomma, il ritiro patente per alcol è una cosa molto frequente, come anche frequenti sono le sanzioni accessorie. Con il termine guida in stato di ebbrezza si intende mettersi alla guida con un tasso alcolemico che superi una certa soglia: si parte dallo 0,5 g/l, ovvero di grammi sul litro, ed a seconda di quanto si vada ad oltrepassare tale soglia il reato diventa più o meno grave. Calcolo bonus 600 Euro per professionisti, L’accertamento tecnico preventivo: le principali applicazioni settoriali, Le sopravvenienze da stralcio della debitoria nel concordato preventivo e la clausola del ritorno a miglior fortuna. La revoca della patente a seguito di guida in stato di ebbrezza o sotto effetto di sostanze stupefacenti di Roberto Boschi , Avvocato 11 giugno 2019 Versione PDF del documento Guida in stato d’ebbrezza: il caso concreto. La questione, ritenuta fondata dalla Corte, traeva le mosse dalla notevole differenza di trattamento, in tema di confisca del veicolo, tra chi, accusato del reato di guida in stato di ebbrezza, chiedeva la sostituzione della pena detentiva e pecuniaria prevista dall’art. Il tasso alcolemico dopo aver bevuto dipende a sua volta da moltissimi fattori, come il sesso, il peso, l’aver mangiato o meno prima di bere e, ovviamente, quanti bicchieri ci siamo bevuti. Accertamento tecnico preventivo e responsabilità medica, In che termini può rilevare la minaccia costitutiva del reato di rapina, La coltivazione di stupefacenti nel TU 309/90. Quando si parla di revoca della patente si intende il provvedimento con il quale si procede alla cancellazione del documento di guida nell’ipotesi in cui il titolare perda definitivamente i requisiti psicofisici prescritti, oppure si trovi alla guida in stato di forte ebbrezza o sotto stupefacenti e provochi incidenti, e infine nel caso di recidiva di una precedente violazione. IV, Sent., 5 ottobre 2015, n. 40069; nello stesso senso ex multis Cass. Rifiutare di sottoporsi all’alcoltest evita la revoca della patente. Ferrara, Sent., 18 ottobre 2016; Trib. L’alterazione può essere provocata dall’assunzione di alcool, medicinali o sostanze stupefacenti2. dell'informativa sulla privacy. La Suprema Corte di Cassazione riafferma il principio di solidarietà post- coniugale; Licenziamento: è possibile nel periodo di emergenza? IV, con sentenze 06-02-2015, n. 7821 e 20-03-2014, n. 17679 ha stabilito che nell’ipotesi di guida stato di ebbrezza alcolica con sinistro stradale, la revoca della patente di guida, prevista come obbligatoria per tale ipotesi aggravata, deve essere disposta anche nel caso in cui, all’esito del giudizio di … recidiva di guida in stato di ebbrezza in terza fascia nel triennio per i conducenti di età inferiore a 21 anni, neopatentati, autisti di taxi e NCC. La guida in stato di ebbrezza ha rilevanza penale a seconda della quantità di alcool presente nel sangue del guidatore. Pen., sez. La pronuncia trae origine dal fatto che il Tribunale di Trieste, con la citata sentenza resa ad esito di giudizio abbreviato a seguito di opposizione a decreto penale di condanna, dichiarava l’imputato colpevole del reato di guida in stato di ebbrezza per abuso di sostanze alcoliche (g/I 1,86 al primo accertamento e g/I 1,74 al secondo accertamento), con l’aggravante di aver cagionato un incidente ed applicava la sanzione amministrativa accessoria della sospensione della patente di guida per anni u… Non è inoltre possibile rifiutarsi di sottoporsi all’alcol test senza incorrere in pesanti sanzioni. Il Codice della Strada prevede sanzioni durissime per chi guida in stato di ebbrezza. Il riferimento alla “data di accertamento del reato” ha però creato non poche perplessità nell’applicazione della norma citata, atteso che si sono formati due orientamenti opposti, uno favorevole all’imputato ed uno decisamente severo. 9 novembre 2016, n. 47066; Tribunale di Milano, Sez. A questa si aggiunge la sanzione accessoria della sospensione della patente per un periodo che va da tre a sei mesi. L’interpretazione favorevole all’imputato fa, infatti, decorrere il dies a quo del triennio dalla data di contestazione della violazione da parte dell’Organo accertatore (in particolare, questa era la linea seguita dai TAR del Veneto, del Friuli Venezia Giulia e del Piemonte, allorché gli stessi erano competenti a decidere in merito).