Nel campo dei trasporti il Regno delle due Sicilie sviluppò, intelligentemente, la flotta e il commercio via mare, sebbene a Napoli ci fu la ferrovia prima che a Torino e sempre a Napoli si costruirono le prime navi a vapore prima che a Genova. Sviluppatasi nel corso del 1700 e nel Decennio napoleonico, la borghesia napoletana – composta soprattutto dai ceti agrario – mercantili e manufatturieri, ai quali si deve aggiungere la nobiltà imborghesita – continuò la sua ascesa anche dopo il 1815 (1 bis ). il regno delle due sicilie 1. Il Sud all'epoca si chiamava Regno delle due Sicilie e vantava di grande prestigio e ricchezza. Durante il Settecento il Regno delle Due Sicilie visse un periodo florido e degno dei potenti stati del centro e nord Europa. Al momento dell’Unità d’Italia, nel Regno delle Due Sicilie furono ritirati 443,3 milioni di monete di vario conio, di cui 424 milioni d'argento, pari al 65,7% di tutte le monete circolanti nella penisola. Prof.ssa Renata De Lorenzo, Lei è autrice del libro Borbonia felix.Il Regno delle Due Sicilie alla vigilia del crollo edito da Salerno: quali furono le vicende che portarono al crollo del Regno borbonico? Tasse inferiori a tutti gli altri stati della penisola. [1] La grande quantità di monete è però un indice solo apparente della ricchezza del paese borbonico. Dal 1816 al 1817 venne scelta come capitale del Regno delle Due Sicilie la città di Palermo salvo poi spostarla nella più grande Napoli. Che il regno delle due sicilie non fosse povero è vero, ma qua si esagera. Nel 1860 la situazione del Regno delle Due Sicilie, confrontata agli altri Stati della penisola, era la seguente, considerando la ricchezza e il numero dei suoi abitanti: Le tasse erano inferiori a … Ai tanti primati di Napoli e del Regno delle Due Sicilie va aggiunta la florida (tutt’altro che “arretrata”) situazione economica nel 1860:. ; Beni demaniali ed ecclesiastici una vera ricchezza e superavano tutti quelli degli altri stati. 16, p. Lo Stato pontificio e il Regno delle Due Sicilie nella prima metà del XIX secolo 69 Misure più serie vennero poste in essere sulla base di una disposizione del Ministero dell’interno che prevedeva un cordone di truppa di linea, guardie urbane e paesani armati lungo tutta la frontiera del Regno delle Due Sicilie con gli Stati pontifici72. Regno arretrato o all'avanguardia? Olanda, Francia, Prussia, Impero Austro-Ungarico erano certamente messi meglio. La fine del Regno arrivò ufficialmente il 17 febbraio 1861 con la firma dell’armistizio e relativa resa da parte di Francesco II di Borbone sotto la spinta della leggendaria Spedizione dei Mille guidata da Giuseppe Garibaldi. 10 15 4 Collezione delle leggi e decreti emanati nelle provincie F. AMANTE, Cenno Biografico intorno al Capitano Annali Civili del Regno delle Due Sicilie, cit., Napoli continentali dell’Italia meridionale, Napoli 1838, Ingergnere Geografo Francesco Fergola, in «atti del- 1838, vol. Il Regno delle Due Sicilie era ricco: tutta la verità. La ricchezza dello stato è attestata dalla presenza di ben sette “banchi” (gli antenati delle moderne banche) che si mantennero ricchi per tutto il Settecento, e che nei primi anni dell’Ottocento si accorparono in Banco di Napoli e Banco di Sicilia.